salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

News selezionata

< C'ENOTECA di Forlì - Degustazione con CASTELLO BANFI 8 febbraio e Menù di San Valentino
01.02.2010 10:00 Età: 8 yrs
Autore: Redazione RavennaBlu

MEDAGLIA D’ORO PER UN ATTO D'EROISMO


Consegnata all’aeroporto di Villa San Martino di Lugo di Romagna la «Medaglia d’Oro di 1° Grado» conferita alla memoria del pilota di Canadair Andrea Golfera.

La mattina del 26 gennaio scorso, nonostante il freddo intenso e la neve che iniziava a cadere, in tanti hanno voluto essere presenti nell’hangar dell’Aero Club Francesco Baracca di Lugo, alla breve ma intensa e commovente cerimonia di consegna della «Medaglia d’Oro di 1° Grado» conferita alla memoria di Andrea Golfera; il pilota lughese della Protezione Civile morto nel 2007 in un grave incidente aereo avvenuto durante una missione antincendio di particolare pericolosità.
Andrea Golfera, che del volo aveva fatto la sua ragione di vita, si era formato fin da giovanissimo all’Aero Club di Lugo e in tanti anni da pilota professionista aveva acquisito grande esperienza con all’attivo molte migliaia di ore di volo. Abilitato anche ai voli di linea, da tempo era approdato alla Sorem, la società che gestisce la flotta di Canadair, i velivoli antincendio della Protezione Civile nazionale, per cui svolgeva attività di pilota e istruttore.
Le motivazioni della medaglia d’oro: «Il 23 luglio 2007, durante una delle innumerevoli missioni di soccorso, che era solito compiere con perizia, coraggio e generosità non comuni – come citato nelle motivazioni della medaglia d’oro conferita (su proposta della Prefettura di Ravenna) a titolo di benemerenza e di onore dal consiglio d’amministrazione della “Fondazione Carnegie per gli Atti di Eroismo” - nel tentativo di arginare le fiamme in un vasto incendio che minacciava numerose abitazioni nella zona di Acciano, nel Parco del Silente (L’Aquila), a bordo di un Canadair, si schiantava contro una montagna coperta da una fitta coltre di fumo perdendo la vita».
Le autorità. Alla presenza delle numerose autorità civili, militari e delle forze di polizia intervenute alla cerimonia, hanno preso brevemente la parola Mauro Baldazzi, presidente dell’Aero Club di Lugo, per un saluto ed un ricordo personale e toccante di Andrea, come amico e come pilota e socio del sodalizio, il sindaco di Lugo Raffaele Cortesi, il quale ha evidenziato che «…Andrea Golfera rappresenta un esempio per tutti i cittadini, perché ha fatto del bene alla comunità. Credo che ci sia necessità di persone come lui che si impegnano e si sacrificano per il bene di tutti». Nel suo intervento il prefetto di Ravenna Riccardo Compagnucci, ha messo in evidenza che «…c’è una piccola, sottile differenza tra il coraggio e l’eroismo, ma io penso che Andrea li abbia interpretati entrambi impegnandosi nella lotta agli incendi. Pilotare i Canadair, specialmente col loro carico di acqua durante le operazioni antincendio è un compito difficile, diverso dalla routine dei voli di linea. Era proprio questa la missione alla quale Golfera aveva dedicato tutto se stesso».
Consegna della Medaglia. Dopo il discorso il prefetto Compagnucci ha proceduto alla lettura della motivazione e alla consegna della medaglia d’oro al comandante Bartolomeo Golfera, l’anziano padre del pilota scomparso e anch’egli esperto pilota militare durante la Seconda Guerra Mondiale, che all’epoca era in forza a uno dei più celebri e decorati reparti della nostra aviazione, la 283ª Squadriglia Aerosiluranti. Nel dopoguerra è stato anche uno dei soci fondatori dell’Aero Club di Lugo, continuando a volare come istruttore per il sodalizio, totalizzando oltre diecimila ore di volo.  Bartolomeo Golfera è stato il primo pilota di tre generazioni di aviatori della famiglia Golfera che si sono succedute all’Aero Club Francesco Baracca, ed è il nonno di Gianni Golfera - figlio di Andrea – presente durante la cerimonia, assieme alla mamma e alla moglie Barbara, anche lui valente pilota e noto studioso a livello internazionale di tecniche di memorizzazione e di apprendimento.  Nel suo discorso il padre del pilota scomparso, molto emozionato, ha affermato: «…vi ringrazio per la memoria che testimoniate per il mio figliolo, di cui sono molto orgoglioso. Il ricordo impedisce la morte definitiva delle persone e per questo credo che il mio Andrea vivrà ancora a lungo». Al termine, il suo breve e commosso intervento, è stato sottolineato da un lungo, caloroso ed affettuoso applauso.
Ha concluso la cerimonia il parroco della Chiesa di San Giacomo di Lugo, per tutti “Don Gigino”, di cui era parrocchiano Andrea Golfera, che ha ricordato in breve la figura dell’aviatore e della sua famiglia,  impartendo al termine la benedizione ai presenti.


Memorial Andrea Golfera. L'Aero Club Francesco Baracca di Lugo, città natale dell'Asso degli Assi dell'Aviazione italiana, per ricordare il valore, il coraggio, la generosità e l'abilità di pilota del comandante lughese Andrea Golfera e per mantenerne viva la memoria, dal 2007 ha istituito il Memorial Andrea Golfera, premio giunto alla sua IIª edizione, che viene assegnato su indicazione della Protezione Civile Nazionale – in occasione di una manifestazione pubblica organizzata dal sodalizio - da un Comitato fondato a Lugo, al pilota di ala fissa o rotante, oppure ai componenti degli equipaggi appartenenti ai corpi militari o civili dello Stato che sono impegnati nell'opera antincendio o nel soccorso umanitario, nella salvaguardia del territorio  oppure nella tutela delle cose, distintisi per coraggio, perizia, abilità e generosità. (Massimo Baldi) 


RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]
pornrip.cc
1siterip.com
xxxcomics.org